Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

100 anni fa nasceva Peppetto Pau

 29 12 2015    |     Evento dal 29 12 2015  al 29 12 2015

Tematiche: Cittadini e vita pubblica Cultura e spettacolo    |    Io sono: Cittadino

«100 ANNI FA NASCEVA PEPPETTO PAU».

È il titolo della giornata che Oristano dedica a uno dei suoi figli più illustri a conclusione dell’anno in cui ricorreva il centenario dalla nascita.

Martedì 29 dicembre, alle 18, il Comune di Oristano, in collaborazione con la Memoria storica, intende celebrare Peppetto Pau nel “suo” museo, in attesa che, alla vigilia della Sartiglia 2016, il nuovo allestimento dell’Antiquarium Arborense lo presenti più compiutamente nella storia dell’archeologia mediterranea e sarda.

Peppetto Pau nasceva lunedì 8 marzo 1915 a Oristano, in via San Sebastiano, dove il 16 febbraio, ultimo martedì di Carnevale, aveva corso la pariglia di su Componidori con i suoi cavalieri. In quel tempo  il mondo era in guerra, ma l’Italia doveva attendere ancora 77 giorni, lunedì 24 maggio 1915 nel quale l’esercito marciava per raggiunger la frontiera e far barriera contro il nemico.

Peppetto Pau visse, in un tempo tribolato, come tutti i tempi dell’uomo, per 75 anni di arte e di poesia.

L’archeologia per lui, primo direttore dell’Antiquarium Arborense, era una delle espressioni di quel lirico sentire la vita dell’uomo. E proprio all’Antiquarium Arborense, a lui dedicato nel 1999, il Comune lo vuole ricordare con una serata dove ampio spazio sarà dato alle sue composizioni.

Sarà l’occasione per conoscere i contenuti di alcune delle carte recentemente donate all’Archivio storico del Comune da Dante Crobu.

Il programma della serata, dopo il saluto del Sindaco Guido Tendas, prevede l’intervento della responsabile dell’Archivio storico comunale Antonella Casula sui documenti del professor Peppetto Pau donate al Comune d’Oristano. Seguirà l’intervento di Raimondo Zucca su “Le ceneri del professore” e letture tratte dall’epistolario dello studioso e le letture di alcune sue liriche da cura di Gianfilippo Uda.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014