Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Consiglio comunale - No alla Commissione d'indagine sul mercato civico

  26 10 2018    |    Tematiche: Economia, attività produttive e lavoro Istituzioni    |    Io sono: Cittadino

Con 13 voti contrari e 8 a favore, ieri sera il Consiglio comunale di Oristano ha respinto la proposta dei consiglieri di minoranza di istituzione di una commissione speciale di indagine sul mercato civico di via Mazzini e il parcheggio di via Mariano IV.

I motivi all’origine della richiesta della minoranza consiliare sono stati presentati in aula dal consigliere indipendente Francesco Federico. Dopo aver fatto una breve cronistoria del progetto per la ristrutturazione e l’ammodernamento del mercato (assegnazione dell’appalto, spostamento degli operatori nei locali di via Cimarosa, avvio dei lavori e successiva sospensione, dibattiti in Consiglio comunale aula), Federico ha parlato di “impegni disattesi da parte dell’amministrazione: nessuno dei lavori avviati è stato ultimato, neanche il parcheggio il cui completamento era stato annunciato nei mesi scorsi. Per chiarire cosa sia accaduto si propone una commissione d’indagine, completamente gratuita, formata da 7 membri (4 di maggioranza e 3 di minoranza). La commissione avrà una durata di 3 mesi e potrà compiere indagini conoscitive, ispezioni, acquisire documenti e chiamare in audizione i dipendenti comunali. Entro un mese dalla conclusione dei lavori dovrà presentare una relazione da discutere successivamente in Consiglio comunale”.

Il primo stop alla proposta della minoranza è arrivato da Luca Faedda, Presidente della Commissione permanente Lavori pubblici: “Partire dal presupposto di istituire una commissione d’indagine accusando l’Amministrazione di immobilismo mi sembra abbastanza difficile. La Commissione Lavori pubblici ha esaminato a fondo più volte la vicenda. A maggio abbiamo verificato la presenza del cemento amianto nella struttura che imponeva di un intervento di bonifica. In quella sede stupì tutti che questa cosa fosse stata scoperta solo allora. Diversa la problematica del parcheggio: notammo subito che il cantiere andava a rilento. Oggi l’amministrazione ha deciso suo malgrado di andare alla risoluzione del contratto per grave inadempimento dell’impresa Dentoni. I lavori del parcheggio dovrebbero andare a compimento entro l’estate 2019. Per il mercato i tempi sono più lunghi. È ipotizzabile e ottimistico che i lavori si concludano entro il 2020”. “Sono contrario a una commissione di inchiesta – ha concluso Faedda -. Il regolamento affida alle commissioni consiliari l’opportunità e il compito di fare ciò che dovrebbe fare la commissione d’inchiesta. Se qualcuno ipotizza irregolarità su appalti ci sono altri soggetti che hanno il compito di intervenire”.

Maria Obinu (PD) ha sostenuto la necessità della commissione d’indagine “che avrebbe una finalità alta e non certo quella di mettere sul banco degli imputati qualcuno”.
Ricordando i lavori della Commissione Lavori pubblici ha spiegato che “ci fu sorpresa nell’apprendere che la cifra necessaria per la bonifica dell’amianto (30 mila euro a fronte di un appalto di 3 milioni di euro) determinasse il blocco dei lavori. In realtà in sede di commissione lavori pubblici ci fu la sensazione che si volesse cambiare il progetto. Oggi si parla di scindere il progetto con due appalti separati con una riduzione della superficie edificabile. La commissione di inchiesta avrebbe il compito di acquisire tutti i documenti che fino ad oggi ci sono stati dati con una certa fatica e ritardo, atti necessari a capire cosa ha bloccato questo appalto e non quello di mettere qualcuno sul banco degli imputati”.

Per Monica Masia (Sport, salute, volontariato, natura) “la Commissione d’inchiesta non avrebbe il compito di accusare qualcuno di immobilismo. Al contrario, la nostra intenzione è di avere dei chiarimenti su una questione che quantomeno è controversa e che va avanti da anni: la città vuole risposte, gli oristanesi vogliono sapere se mai riavranno il loro mercato civico. Sono passati 3 anni da quando i lavori sono stati appaltati. Tre anni di gioco di tiro alla fune tra i soggetti coinvolti: comune e ditta appaltatrice. Come è possibile che una ditta si aggiudica un appalto complesso così importante, dopo aver presentato il progetto definitivo e iniziato i lavori li sospenda dopo averli iniziati da pochi mesi. La via della commissione d’inchiesta è quella più giusta per garantire la necessaria trasparenza”.

Secondo Efisio Sanna (PD) la commissione d’indagine è lo strumento più adatto per capire cosa ha determinato la condizione attuale: “Nei nostri intenti non vuole essere contro qualcuno, nè politico né tecnico. Non siamo a caccia di colpevoli, qualcosa si è guastata e vorremmo contribuire tutti insieme a riordinare le cose e a riaggiustare ciò che si è rotto. Il mercato è un’opera importantissima per la città, così come il parcheggio con 208 stalli, lo sappiamo tutti. La commissione può rappresentare un tentativo condiviso di verifica, analisi e interpretazione per ricostruire ciò che è accaduto, uno strumento in più in mano all’amministrazione nel sostenere la sua battaglia nella vicenda della rescissione del contratto e può essere un elemento di chiarimento e trasparenza”.

Andrea Riccio (Capitale Oristano): “La commissione di inchiesta non vuole avere un funzione da inquisizione, vuole essere uno strumento per poter stimolare e rendere più efficace la proposta di definizione di questo progetto. Mercato e teatro sono due elementi fondamentali della vita cittadina. Questa commissione si pone dunque come strumento per l’ottenimento delle necessarie informazioni di quanto è accaduto per poi utilmente sfruttarle e pungolare la maggioranza, il consiglio e le commissioni”.

“Il problema della sospensione dei lavori non può essere stato solamente la presenza dell’amianto – ha detto Anna Maria Uras (Coraggio e libertà – Insieme) -. I cittadini hanno bisogno di spiegazioni: perché la città non ha ancora di nuovo il suo mercato civico. Il mercato non è solo un agorà, un luogo di socializzazione e di cultura, ma è un luogo di economia e non si può non fare chiarezza su quanto è accaduto. Non si possono chiudere gli occhi e ignorare ciò che è accaduto. È un dovere nei confronti della città. È ovvio che ci sarà un contenzioso con l’impresa e il lavoro della commissione risulterebbe ancora più prezioso”.

Giuseppe Puddu (UDC): “Le linee programmatiche di mandato del Sindaco Lutzu prevedevano un’amministrazione efficiente, con corollario la massima trasparenza dell’azione di governo: la commissione d’indagine sarebbe un efficace strumento di attuazione del programma di governo per verificare l’azione amministrativa. La risoluzione del contratto con l’azienda porterà a un contenzioso e a un mercato chiuso per tanto tempo. Mi auguro che le previsioni di apertura entro il 2020 si avverino, ma ho parecchi dubbi: il caso del Foro boario insegna. Ci sono attività economiche in forte difficoltà. Se non si può fare bisogna spiegare alla città perché non la si vuole fare. È impensabile che da aprile a oggi l’azione amministrativa sia stata tanto debole e la commissione vuole essere solo uno stimolo per l’azione amministrativa”.

“Sono contrario all’istituzione della commissione d’inchiesta – ha detto Angelo Angioi (Forza Italia) – e il perché è scritto nella stessa richiesta della minoranza: si parla di immobilismo dell’amministrazione e questo non è assolutamente vero. Mi sarebbe piaciuto vedere commissioni sul foro boario, sul centro per le tossicodipendenze di Pabarile, sulla casa dello studente e sul mattatoio. Gli atti sul mercato sono sul sito del Comune e sono a disposizione di tuti i consiglieri: possono averli, riunirsi e discuterne. La commissione non serve”.

Antonio Iatalese (Forza Italia) ha confermato “fiducia nei confronti della commissione lavori pubblici e del suo presidente Luca Faedda che svolge al meglio il suo lavoro tanto da rendere superfluo il compito di una commissione di indagine”.
“La storia del mercato civico e del progetto di ristrutturazione si perde negli anni – ha detto -. È un tema caro a tutti e anche alla minoranza che è molto attenta. Ricordiamo che già quando su verificò il problema degli studi geologici, durante la gestione commissariale si arrivo alla rescissione di un contratto e questo ha determinato molti dei ritardi successivi.”

Fiducia al Sindaco e alla sua azione amministrativa anche da parte di Luigi Mureddu (Forza Italia) che ha annunciato il voto contrario alla commissione e di Danilo Atzeni (Rinnovamento oristanese) che ha domandato “quali sono i compiti in più che dovrebbe avere la commissione d’indagine rispetto alla commissione lavori pubblici? Non se ne comprende l’utilità”.

“Il mercato e la vicenda della sua ristrutturazione è uno dei temi più sentiti dai cittadini – ha detto Veronica Cabras (Riformatori) –. Sicuramente la minoranza ha presentato questa richiesta in seguito alle loro istanze, ma come hanno già detto altri consiglieri di maggioranza non è giusto addebitare a questa Giunta la responsabilità per quanto accaduto con questo appalto. Il problema del mercato civico è caro a tutto il consiglio, maggioranza e minoranza”.

Il dibattito si è chiuso con l’intervento del Sindaco Andrea Lutzu che ha espresso “solidarietà, vicinanza e sofferenza per gli operatori del settore che sono penalizzati da una situazione che dura ormai da 10 anni”.
Il Sindaco ha respinto le accuse di immobilismo: “È falso che abbiamo disatteso gli impegni ed è assolutamente falso che la Giunta sia stata immobile – ha detto -. Per principio sono profondamente contrario alle commissioni di indagine. Ne ho visto altre, ho avuto un’esperienza diretta con la commissione su Abbanoa e garantisco che non è stata un’esperienza utile. Esistono sistemi di controllo certificati come l’ANAC che ha già sotto la lente di ingrandimento l’appalto sul mercato, esiste la Procura della Repubblica per chi ritiene ed esistono le commissione consiliari permanenti. Siamo stati lenti nella rescissione del contratto e questo è vero, ma lo siamo stati perché siamo stati riflessivi. È stato un atto di coraggio non da poco. Questo è stato un atto voluto politicamente con molta forza. Abbiamo rescisso il contratto in danno, l’atto più grave che può fare un’amministrazione. Ieri è stato fatto lo stato di consistenza del mercato, l’impresa ha partecipato. Scindere il progetto in due appalti comporta un’accelerazione dei tempi”.

 

Nella seduta di ieri la Giunta ha risposto alle interrogazioni e interpellanze dei consiglieri. 

Interpellanza consiglieri Puddu e Pecoraro sulla farmacia e il bancomat di Torre Grande.
Giuseppe Puddu (UDC) ha evidenziato il ritardo con cui l’argomento è arrivato in aula e ricordato i ritardi nell’apertura della farmacia e il difetto nella comunicazione sull’installazione dello sportello per l’erogazione di contanti: “Sportello che non è un bancomat ma un atm con alti costi a carico degli utenti perché lo si può utilizzare solo con carta di credito”.
Il Sindaco Lutzu ha risposto ricordando che la farmacia ha aperto definitivamente il 10 settembre, mentre “la polemica su bancomat e atm si riduce al nome, l’importante è che ci sia uno sportello per il prelievo di contanti, non ce ne siamo presi i meriti, ma ne abbiamo agevolato l’installazione a beneficio dei cittadini e dei turisti”.

Interpellanza consigliere Federico su mancata partecipazione del Comune al bando dell’ATS Sardegna sui contributi per sterilizzazione dei cani.
Francesco Federico (indipendente) ha chiesto i motivi per i quali il Comune era stato escluso dalla graduatoria e dai contributi, in totale 234 mila euro, per contrastare il fenomeno del randagismo.
Il Sindaco Lutzu ha riposto spiegando che il Comune aveva regolarmente partecipato, ma era stato escluso per un problema riconducibile esclusivamente alla erronea gestione delle domande da parte dell’ATS e che risulta che il finanziamento sia stato concesso.

Interpellanza consiglieri Federico e Puddu su stato di precarietà delle strade a fondo naturale.
Francesco Federico (indipendente) ha lamentato la mancata esecuzione degli interventi di manutenzione sulle strade bianche da parte del Comune: “A un anno e mezzo dall’insediamento questa amministrazione, nonostante gli impegni assunti, non ha provveduto a realizzare un piano di manutenzione né a sistemare le strade che versano in condizioni di evidente pericolosità e impercorribilità. Occorre un piano di interventi ma anche dotare il comune di un greder”.
Giuseppe Puddu (UDC) ha aggiunto che “il Comune è intervenuto solo su due strade vicinali nel periodo della Sartiglia su strade vicinali e non è vero che non può farlo, le risorse disponibili sono state spostate dal 2018 al 2019. In un anno e mezzo il problema è stato completamente trascurato”.
L’Assessore ai lavori pubblici Francesco Pinna ha risposto spiegando che i ritardi che si sono accumulati non dipendono dalla volontà dell’amministrazione: “Quando nei mesi scorsi abbiamo avviato gli interventi sono iniziate le piogge abbondanti che hanno condizionato i lavori. Da 4 anni non riceviamo contributi dalla Regione e forse per distrazione della passata amministrazione si era perso un finanziamento di 200 mila euro per il 2014 e 2015”. “Le strade comunali – ha spiegato Pinna - sono percorribili pur non essendo in condizioni ottimali. Le strade vicinali, invece, manifestano problemi maggiori, ma su queste dovrebbero intervenire i frontisti e non il Comune che può solo compartecipare. In queste settimane il Comune sta intervenendo su 10 chilometri di strade bianche a san Quirico, is pasturas e is pastureddas”.

Interpellanza consiglieri Obinu-Sanna-Federico sui parcheggi a pagamento
Maria Obinu (PD) ha chiesto spiegazioni sui motivi per i quali si siano verificati disservizi nelle modalità di pagamento dei parcheggi (pagamento elettronico: bancomat, app, carta di credito, carte prepagate) e a che punto sia la gara d’appalto per l’affidamento del servizio.
L’Assessore al traffico Pupa Tarantini ha risposto spiegando che “gli uffici comunali effettuano un controllo continuo sul servizio e c’è sempre stata grande disponibilità al dialogo, alla collaborazione e al miglioramento del servizio. I sistemi di pagamento elettronico o sono attivi o in fase di installazione. Il tagliando di cortesia non è possibile. La proroga dell’appalto è prevista dal contratto ed è stata prevista a fronte di offerte migliorative del servizio come i parcheggi per le gestanti e le neo mamme”.
Francesco Federico (indipendente) ha ribattuto spiegando che nei totem del parcheggi i bancomat non stanno funzionando.

Interpellanza consiglieri Obinu-Sanna-Federico sul bando del servizio civile.
Maria Obinu (PD) ha chiesto di conoscere i motivi per i quali il Comune non figura tra i beneficiari.
L’Assessore ai servizi sociali Francesca Loi ha spiegato che il Comune non ha partecipato all’ultimo bando ma ha progetti attivi e parteciperà al nuovo bando pubblicato nei giorni scorsi: “È in corso un progetto della biblioteca che partecipa al bando ad anni alterni. I servizi sociali non hanno partecipato perché in occasione della pubblicazione dell’ultimo bando ha avuto comunicazione che il Comune era stato ripescato con un progetto presentato precedentemente”.
Per Efisio Sanna (PD) il Comune difetta in capacità progettuale e in questo senso occorre investire e compiere uno sforzo maggiore anche nell’ambito dei progetti del servizio civile.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014